Benvenuto nel sito della camera di Firenze
 
ti trovi in:

Tu sei qui

» Sanzioni per omessa comunicazione domicilio digitale

Sanzioni per omessa comunicazione domicilio digitale


Sanzioni per omessa comunicazione domicilio digitale

Il domicilio digitale è un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata o un servizio elettronico di recapito certificato qualificato, come definito dal regolamento UE n. 910/2014, valido ai fini delle comunicazioni elettroniche aventi valore legale.
 
La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di comunicazione in grado di attestare l'invio e l'avvenuta consegna di un messaggio di posta elettronica e di fornire ricevute opponibili ai terzi, con valore legale equiparato ad una raccomandata con ricevuta di ritorno.
 
L’art. 37 del D.L. n. 76/2020 convertito con la L. 120/2020, recante “Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale” (c.d. Decreto Semplificazioni) ha ribadito l’obbligo per le imprese costituite in forma societaria e le imprese individuali di dotarsi di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata valido, univoco e funzionante che doveva essere reso noto tramite denuncia al Registro delle Imprese entro il 1° ottobre 2020.
 
Alle imprese che non hanno un indirizzo PEC funzionante verrà assegnato d'ufficio un domicilio digitale valido solo in ricezione con contestuale accertamento di sanzioni pecuniarie maggiorate a carico del titolare dell'impresa individuale e di ciascun amministratore di società.
  • Per le Società l’importo è raddoppiato rispetto alla previsione dell’articolo 2630 del codice civile e va quindi da un minimo di € 206,00 ad un massimo di € 2.064,00; 
  • Per le Imprese individuali l'importo è invece triplicato rispetto alla previsione dell’art.  2194 del codice civile e va quindi da un minimo di € 30,00 ad un massimo di € 1.548,00.
Inoltre, le imprese individuali e le società hanno l’obbligo di comunicare al Registro delle imprese il proprio indirizzo PEC al momento dell’iscrizione. In mancanza, l’ufficio sospenderà la pratica in attesa che essa sia integrata con l’informazione richiesta.
 
Per la comunicazione dell’indirizzo PEC (valido, univoco e funzionante) è in uso una procedura semplice e gratuita, alla quale si può accedere direttamente, con sottoscrizione digitale del titolare o del legale rappresentante.
 
 
 
Valuta il contenuto: 
No votes yet
Contenuto aggiornato al:Lunedì, 6 Giugno, 2022 - 11:30