Benvenuto nel sito della camera di Firenze
 
ti trovi in:

Tu sei qui

» Composizione negoziata della crisi d'impresa

Composizione negoziata della crisi d'impresa


Composizione negoziata della crisi d'impresa

Con il dl 118/2021 (convertito nella L. 21/10/2021, n.147) è stato introdotto il nuovo istituto della composizione negoziata per la crisi d’impresa. L’imprenditore commerciale e agricolo che si trova in condizioni di squilibrio patrimoniale o economico-finanziario che ne rendono probabile la crisi o l’insolvenza, può chiedere al Segretario Generale della CCIAA del territorio dove si trova la sede legale dell’impresa, la nomina di un esperto, che lo affiancherà nelle trattative con i creditori, quando risulta ragionevolmente perseguibile il risanamento dell’impresa.
L’esperto è nominato da una Commissione, che dura in carica due anni, è costituita presso le Camere di commercio dei capoluoghi di Regione, ed è formata da 3 componenti: un magistrato designato dal presidente della sezione in materia di impresa del Tribunale del capoluogo di Regione; un membro designato dal Presidente della CCIAA sede della commissione; un membro designato dal Prefetto del capoluogo di Regione. La Commissione è coordinata dal membro più anziano e decide a maggioranza.
Presso la Camera di Commercio di Firenze, la Commissione è così composta:
  • Leonardo Bassilichi (CCIAA Firenze)
  • Anna Chiti Batelli (Prefettura di Firenze)
  • Patrizia Pompei (Tribunale di Firenze)
L’istanza deve essere presentata tramite l’apposita piattaforma telematica www.composizionenegoziata.camcom.it che contiene un test pratico per la verifica della ragionevole perseguibilità del risanamento e una check list (lista di controllo) particolareggiata, che contiene le indicazioni operative per la redazione del piano di risanamento. All’istanza deve essere allegata la documentazione prevista dalla norma (art. 5, comma 3, DL n.118/2021) elencata anche nel modulo online per la presentazione dell’istanza sulla piattaforma telematica.  Per presentare l’istanza è necessario essere dotati di un dispositivo di firma digitale.
 
VANTAGGI DELL’ISTITUTO - possibilità di accedere a misure premiali (riduzione di sanzioni tributarie, riduzione di interessi su debiti tributari, rateazione delle somme non versate a titolo di imposta sul reddito); possibilità di chiedere misure protettive del patrimonio attraverso istanza al Tribunale competente. L’imprenditore conserva, nel corso delle trattative, la gestione ordinaria e straordinaria dell’impresa.
 
COMPENSO DELL’ESPERTO: il compenso dell’esperto è definito dall’art. 16 del decreto ed è determinato in percentuale sull’ammontare dell’attivo dell’impresa debitrice, secondo scaglioni, e prevede varie percentuali di aumento in base al numero dei creditori e in caso di conclusione delle trattative con un contratto, convenzione, o piano di risanamento (come previsto dall’art. 11 del decreto).  In mancanza di accordo tra le parti, la misura del compenso è determinata dalla Commissione ed è a carico dell’imprenditore.
 
DIRITTI DI SEGRETERIA: (in attesa di definizione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico)
 
 
 
 
 
 
 
Contatti: 

Composizione negoziata della crisi d'impresa

Composizione negoziata della crisi d'impresa
Piazza dei Giudici, 3 - 50122 Firenze
Telefono: 
055.23.92.135
Email: 
composizione.negoziata@fi.camcom.it
Orari di apertura: 
su appuntamento
Contenuto aggiornato al:Giovedì, 28 Ottobre, 2021 - 11:33
Valuta il contenuto: 
4
Average: 4 (1 vote)
Contenuto aggiornato al:Martedì, 16 Novembre, 2021 - 10:34