Benvenuto nel sito della camera di Firenze
 
ti trovi in:

Tu sei qui

» Criteri per la determinazione dei compensi

Criteri per la determinazione dei compensi


Criteri per la determinazione dei compensi

Art. 1) DETERMINAZIONE COMPENSI E RIMBORSI SPESE 
Ai sensi degli artt. 14 ss. del Decreto Ministeriale 24 settembre 2014, n.202, in difetto di accordo tra debitore e OCC o quando quest’ultimo è stato nominato dal Giudice, per la determinazione dei compensi e dei rimborsi spese dovuti all’OCC, si applicano i parametri di cui agli articoli seguenti. 

Art. 2) PARAMETRI 
Il compenso all’Organismo è determinato in base alla quantità e alla complessità delle questioni affrontate, al numero dei creditori, all’entità del passivo e dell’attivo realizzato, ai sensi ed entro i limiti definiti dai Decreti 24 settembre 2014, n.202 e 25 gennaio 2012, n. 30, e successivi adeguamenti e modificazioni, del Ministero della Giustizia, sulla base dei seguenti parametri: 
 secondo una percentuale sull’ammontare dell’attivo realizzato, nelle seguenti misure: 
- dal 12% al 14% quando l'attivo non superi i 16.227,08 euro; 
- dal 10% al 12% sulle somme eccedenti i 16.227,08 euro fino a 24.340,62 euro; 
- dall'8,50% al 9,50% sulle somme eccedenti i 24.340,62 euro fino a 40.567,68 euro; 
- dal 7% all'8% sulle somme eccedenti i 40.567,68 euro fino a 81.135,38 euro; 
- dal 5,5% al 6,5% sulle somme eccedenti gli 81.135,38 euro fino a 405.676,89 euro; 
- dal 4% al 5% sulle somme eccedenti i 405.676,89 euro fino a 811.353,79 euro; 
- dallo 0,90% all'1,80% sulle somme eccedenti gli 811.353,79 euro fino a 2.434.061,37 euro; 
- dallo 0,45% allo 0,90% sulle somme che superano i 2.434.061,37 euro; 
 secondo una percentuale sull'ammontare del passivo accertato, risultante dall’accordo o dal piano del consumatore omologato: 
- dallo 0,19% allo 0,94% sui primi 81.131,38 euro e 
- dallo 0,06% allo 0,46% sulle somme eccedenti tale cifra. 

Art. 3) RIDUZIONE E RIPARTIZIONE DEI COMPENSI 
I compensi determinati a norma del precedente Art. 1 sono ridotti nella misura del 25%. Sono dovuti gli accessori previdenziali e fiscali di legge. Tali compensi, che dovranno essere corrisposti esclusivamente all’Organismo, verranno ripartiti per il 75% a favore del Gestore, sia individuale che collegiale (ausiliari compresi), e per il 25% a favore dell’Organismo. 

Art. 4) SPESE GENERALI E RIMBORSI 
All’Organismo spetta un rimborso forfettario delle spese generali nella misura pari al 15% dei compensi come sopra determinati, oltre alle spese effettivamente sostenute e documentate e agli accessori fiscali e previdenziali di legge. 

Art. 5) ACCONTI 
L’Organismo può richiedere la corresponsione di acconti sul compenso finale. L’acconto iniziale è fissato forfettariamente in euro 200,00, oltre IVA, da corrispondere all’inizio della procedura. 

Art. 6) LIMITI MASSIMI 
L’ammontare complessivo dei compensi e delle spese generali non può comunque essere superiore al 5% dell'ammontare complessivo di quanto è attribuito ai creditori per le procedure aventi un passivo superiore a 1.000.000,00 di euro, e al 10% sul medesimo ammontare per le procedure con passivo inferiore. 
Le disposizioni di cui al comma precedente non si applicano, quando l'ammontare complessivo di quanto è attribuito ai creditori è inferiore ad euro 20.000,00.

Allegati: 
AllegatoDimensione
PDF icon Criteri determinazione compensi 210.68 KB
Contatti: 

Organismo di composizione delle crisi da sovraindebitamento

Organismo di composizione delle crisi da sovraindebitamento
Iscritto al n.110 del Registro Nazionale tenuto dal Ministero della Giustizia
Piazza dei Giudici, 3 - 50122 Firenze
Telefono: 
055.23.92.263 / .134
Email: 
occ@fi.camcom.it
Orari di apertura: 
su appuntamento dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 15.00
Contenuto aggiornato al:Mercoledì, 16 Settembre, 2020 - 15:49
Valuta il contenuto: 
No votes yet
Contenuto aggiornato al:Mercoledì, 4 Ottobre, 2017 - 14:27