Benvenuto nel sito della camera di Firenze
 
ti trovi in:

Tu sei qui

» Dispositivi di protezione individuale

Dispositivi di protezione individuale


Dispositivi di protezione individuale

FONTI NORMATIVE

Direttiva CEE 93/95
D.Lgs. n. 475 del 4/12/1992

COSA SONO I D.P.I.

Sono tutti i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li porti con sé o li indossi, da rischi per la salute e la sicurezza. Si dividono in 3 categorie, secondo il tipo di progettazione, dalla più semplice alla più complessa.

CATEGORIE DI D.P.I.

I° categoria: sono quelli di progettazione semplice, destinati a salvaguardare la persona da rischi e da danni fisici di lieve entità (guanti da giardinaggio, ditali da cucire) o da prodotti detergenti (guanti di protezione); conseguenze di contatto con oggetti caldi a temperatura non superiore a 50° C (guanti, grembiuli); ordinari fenomeni atmosferici nel corso di attività professionali (copricapo, indumenti per la stagione, scarpe e stivali); urti lievi e vibrazioni inidonei a raggiungere organi vitali e a provocare lesioni permanenti (copricapo leggeri contro lesioni al cuoio capelluto, guanti scarpe leggere); azione lesiva dei raggi solari (occhiali da sole);

II° categoria: sono quelli che non rientrano nelle altre due categorie;

III° categoria: sono quelli di progettazione complessa destinati a salvaguardare da rischi di morte o lesioni gravi e di carattere permanente. Rientrano esclusivamente in questa categoria:

  • apparecchi di protezione respiratoria filtranti contro gli aerosol e contro gas irritanti e tossici;
  • apparecchi di protezione isolanti, compresi quelli destinati all'immersione subacquea;
  • D.P.I. che assicurano una protezione limitata nel tempo contro aggressioni chimiche e radiazioni ionizzanti;
  • D.P.I. per attività in ambienti con condizioni equivalenti a una temperatura d'aria non inferiore a 100° C con o senza radiazioni infrarosse, fiamme e materiali in fusione;
  • D.P.I. per attività in ambienti con condizioni equivalenti a una temperatura d'aria non superiore a – 50° C;
  • D.P.I. destinati a salvaguardare dalle cadute dall'alto;
  • D.P.I. destinati a salvaguardare dai rischi connessi ad attività che espongono a tensioni elettriche pericolose.
MARCATURA CE

Deve essere apposta dal fabbricante su ogni D.P.I. in modo indelebile per tutta la durata prevista di tale D.P.I.

D.P.I. DI I° CATEGORIA

Devono avere la marcatura CE, la dichiarazione di conformità CE del fabbricante e il fascicolo tecnico con le note informative.

D.P.I. DI II° e III° CATEGORIA

Devono avere la marcatura CE, la dichiarazione di conformità CE del fabbricante più l'attestato di certificazione da parte di un organismo notificato a livello europeo, il fascicolo tecnico con le note informative

D.P.I. DEGLI OCCHI

Devono avere la marcatura CE, la dichiarazione di conformità CE accompagnata da un attestato di certificazione per D.P.I. di I° categoria, da un fascicolo tecnico con le note informative.

VIGILANZA

Ministero delle Attività Produttive, Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale, C.C.I.A.A.

SANZIONI

Per produzione di D.P.I. non conformi ai requisiti essenziali, di:

  • I° categoria: tra ? 7746 e ? 46481;
  • II° categoria: arresto fino a 6 mesi o sanzione tra ? 9296 e ? 15493;
  • III° categoria: arresto da 6 mesi a 3 anni
Per produzione di D.P.I. di II° e III° categoria prima che sia stato richiesto o rilasciato certificazione CE: tra ? 5164 e ? 30987

Per omissione di applicazione di marcatura CE o stesura di dichiarazione di conformità: tra ? 5164 e ? 30987

Chiunque metta in commercio D.P.I. privi di marcatura CE: tra ? 2582 e ? 15493.

Valuta il contenuto: 
No votes yet
Contenuto aggiornato al:Giovedì, 7 Settembre, 2017 - 15:54