Benvenuto nel sito della camera di Firenze
 
ti trovi in:

Tu sei qui

» Trascrizioni, annotazioni, ricorsi

Trascrizioni, annotazioni, ricorsi


Trascrizioni, annotazioni, ricorsi

Presso la Camera di Commercio è inoltre possibile depositare ogni atto concernente modificazioni alla domanda originaria di marchi e/o brevetti: trascrizioni, annotazioni, ricorsi, istanze varie.
 
TRASCRIZIONI dell'atto di modifica della titolarità del marchio (cessioni totali o parziali, successioni ereditarie, licenze, ecc.)
Possono essere resi pubblici, per mezzo della trascrizione nel registro dei brevetti, tutti gli atti che trasferiscono i diritti relativi ai brevetti, sia a titolo gratuito che a titolo oneroso (cessioni totali o parziali, successioni ereditarie, licenze, pignoramenti, sentenze ecc). 
 
Il richiedente, personalmente o per mezzo di un rappresentante, deve depositare presso la Camera di Commercio - che redige apposito verbale dietro il versamento dei diritti di segreteria (euro 13,00 per rilascio di copia autentica, oppure euro 10,00 senza copia autentica) e di una marca da bollo di Euro 16,00 - i seguenti documenti ed eventuali allegati: 
 
Domanda in unico esemplare (in bollo da Euro 16,00) indirizzata al Ministero Sviluppo Economico - D.G.P.I. - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi - via Molise 19 00187 - Roma (Fac simile domanda di trascrizionecontenente: 
  • cognome e nome/ragione sociale, residenza/sede legale del richiedente e del Mandatario, se c'è; 
  • generalità (cognome/nome o ragione sociale e indirizzo) del titolare del brevetto con l'indicazione del numero e data di concessione, oppure, quando si trova allo stato di domanda, la data e il numero del verbale di deposito; 
Atto da trascrivere, in originale o copia autentica in bollo, munito delle prescritte autenticazioni, legalizzazioni e registrazioni presso l'Agenzia delle Entrate di competenza. Se tale atto fosse già stato allegato ad altra domanda di trascrizione o annotazione, è sufficiente far riferimento allo stesso citando gli estremi di tali domande;
 
Gli atti redatti in lingua straniera, ad eccezione di quelli francesi, devono essere accompagnati dalla traduzione in lingua italiana, autenticata ed asseverata davanti alle competenti autorità italiane con registrazione presso l'Agenzia delle Entrate;
 
Nel caso di cessione è possibile allegare una dichiarazione di cessione o di avvenuta cessione, contenente l'elenco dei dirittio che ne sono oggetto, sottoscritta dal cedente e dal cessionario senza necessità di autentica di firma ma con registrazione presso l'Agenzia delle Entrate;
 
Nel caso di fusione è possibile presentare un certificato rilasciato dal Registro Imprese che non soggiace all'obbligo di registrazione; 
 
Lettera di incarico o atto di procura, se c'è il rappresentante (mandatario); 
 
Modulo TRA-RI compilabile e scaricabile sul sito (in bollo) un originale e n. 2 copie, da non compilare con scrittura manuale; 
 
Se trattasi di marchi, sarà da ritirare presso l'Ufficio il modello F24 per il pagamento delle tasse di concessione governative (€ 81,00) . La tassa deve essere pagata per ogni marchio per il quale deve essere effettuata la trascrizione; alla somma risultante dovrà eventualmente, essere aggiunta la tassa di Euro 34,00 per la lettera di incarico o procura. 
Per i brevetti, sarà da ritirare presso l'Ufficio il modello F24 per il pagamento delle tasse di concessione governative (€ 50,00). 
 
In caso di successione ereditaria, dovrà essere allegato il certificato dell'avvenuta denuncia di successione. 
 
Poiché le trascrizioni devono essere effettuate in registri distinti per Marchi italiani, invenzioni, modelli e brevetti europei ecc., è necessario che le domande corredate della opportuna documentazione vengano presentate distintamente per ciascuno dei settori interessati. 
 
Nel caso di cessione, è possibile allegare una dichiarazione di cessione o di avvenuta cessione firmata dal cedente e dal cessionario, con l'elencazione dei diritti oggetto della cessione opportunamente registrata presso l'Agenzia delle Entrate, senza obbligo di autenticazione delle firme. Oppure, in caso di rinunzia, una dichiarazione di rinunzia sottoscritta dal titolare. Nel caso di fusione è possibile presentare un certificazione attestata dagli Organi competenti (Registro delle Impese competente territorialmente o altra Autorità nazionale). 
 
ANNOTAZIONI, in caso di cambiamenti che non modificano i diritti relativi al brevetto (cambio ragione sociale e/o natura giuridica, cambio di indirizzo, rinunce, ecc.): 
in questi casi deve essere eseguita una apposita annotazione nel registro dei brevetti e quindi si devono presentare alla Camera di Commercio - che redige apposito verbale dietro il versamento dei diritti di segreteria (euro 13,00 per rilascio di copia autentica, oppure euro 10,00 senza copia autentica) e di una marca da bollo di Euro 16,00 - i seguenti documenti ed eventuali allegati: 
 
Domanda (in bollo da euro 16,00) indirizzata al Ministero per lo sviluppo economico D.G.P.I. Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (Fac simile istanza di annotazione), contenente: 
  • generalità del richiedente e del mandatario se c'è; 
  • generalità del titolare del brevetto, il numero e la data del brevetto se concesso, oppure la data e il numero del verbale di deposito della domanda; 
documento giustificativo della richiesta di annotazione, nelle previste forme legali (il documento che attesta il cambio di ragione sociale, di indirizzo, ecc.); 
 
lettera di incarico o atto di procura in bollo, se c'è il mandatario, unitamente alla attestazione di versamento della relativa tassa di Euro 34,00. 
 
Modulo ANN-RI compilabile e scaricabile sul sito (in bollo) un originale e n. 2 copie 
 
Quando l'annotazione riguarda più brevetti dello stesso titolare: 
  • se sono stati già concessi, è sufficiente una sola istanza per tutti i brevetti; 
  • se sono ancora allo stato di domanda, occorre una istanza separata per ogni domanda. 
I documenti in lingua straniera vanno accompagnati dalla relativa traduzione (come per le trascrizioni). 
 
Presso la Camera di Commercio è inolre possibile depositare
 
RICORSO contro i provvedimenti di rigetto delle domande (vedi istruzioni e modulo di deposito RIC-RI disponibile sul sito)
 
ISTANZE VARIE : correzioni, integrazioni, ritiro (vedi sezione apposita del sito)
 
Orario di deposito presso la Camera di Commercio di Firenze: 
9,00 - 12,00 di tutti i giorni feriali, escluso il sabato. 
 
 
Contatti: 

Brevetti e marchi

Brevetti e marchi
Piazza dei Giudici, 3 - 50122 Firenze
Telefono: 
055.23.92.145
Fax: 
055.23.92.188
Email: 
brevetti@fi.camcom.it
Orari di apertura: 
su appuntamento dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00 e martedì e giovedì dalle 14.00 alle 15.00 - Deposito domande di brevetto per marchio: su appuntamento dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00
Contenuto aggiornato al:Martedì, 6 Ottobre, 2020 - 09:44
Valuta il contenuto: 
No votes yet
Contenuto aggiornato al:Martedì, 25 Settembre, 2018 - 10:34